Déclarations / Dichjarazioni
2016-08-05 11:13:03

Per sti tempi chì lascianu pocu spaziu à a puesia, hè strana per un scrivanu, di fà i so primi passi d'autore cù stu generu literariu... Ma si scorda omu à spessu chì, più chè qualchì regula di scrittura, serà u solu generu à pudè dì à tempu a tenerezza è l'amarezza. Ciuttendu si in a racolta bislingua di Colomba Loviconi, "Déclarations /Dichjarazioni", edizione Colonna, passatu qualchì filare, ùn ci pare mancu più d'esse chjappu da a puesia. S'induvina, trà i versi, l'umbria è a sulia di una sucetà corsa, scritta à spessu cù un tonu grave è à le volte cù tenerezza. A "Casa Corsa", "A prigiò o a cascia", "A terra scunsulata" affaccanu à tempu cum'è un sintimu d'abbandonu, è una chjama chì dinunzia à sottu voce sti tempi cambiati. Sente a nustalgia, stu librettu. A brama di viaghju, dinù, nant'à u portu di Palerma, pè stu Maroccu nant'à a piazza Jemaa El-Fna.

Ma palesa soprattuttu una scrittura feminile assai, cù una penna dolce, dilicata è una cria di malincunia. Micca pientu. Solu indignazione. Contru à u fà di u culunialismu, l'anime in pena, è una libertà bramata ma ancu cunnisciuta. Sintimi ch'elli anu sappiutu impatrunisce si i traduttori di prima trinca. Senza tradisce i cuntorni di e dichjarazione di a puetessa, nè mancu l'assenza chì s'asconde daretu à ogni filare.

Julian Mattei

Ritrattu : contu Twitter di Colomba Loviconi