Avanzà ! La Corse que nous voulons
2016-10-06 09:41:04

Ind'un libru publicatu u 5 d'uttobre di u 2016 à l'edizione Flammarion, u presidente di l'Assemblea di Corsica difende u dirittu di Corsi à sceglie u so destinu. Pensà a Corsica altrimente. O piuttostu fà capì a Corsica grazia à l'ochju di u naziunalistu è micca a visione parigina. Da quì, averà sicuramente sceltu una casa d'edizione di u paese amicu pè cunvince, fà riflette nant'à u "prublema corsu". Jean-Guy Talamoni preferisce parlà di "rivuluzione tranquilla". L'autore face sapè chì a Corsica hà un passatu demucraticu senza a Francia. Una sucetà chì, in tempu di Pasquale Paoli, avia cum'è virtù cardinale a tulleranza religiosa.

Sò citate a Giustificazione di a Rivuluzione di Corsica, Maria Gentile, via "a cultura prufonda di u populu corsu" pè ghjustificà, spiecà e rivindicazione maiò di a magiurità naziunalista (statutu di residente, statutu fiscale, lege d'annistia, cufficialità). Infine, l'avucatu difende nant'à 195 pagine, una Corsica suvrana, senza a dipendenza, a tutella è a suburdinazione, ma amica cù a Francia.