Cronache di Petru Mari
2017-12-12 11:01:11

Bobo Bonobo

Aghju bobo’, so’ bobò… Iè, mi sente « bobò », dapoi l’altru ghjornu, quand’eo mi sò avvistu ch’eo ne era propiu unu. Sin’ora, in quant’è anzianu paisanu è futuru campagno-lu, mi paria d’essene piuttostu francu. È poi pigliu è entru in quellu risturante à fà cullazione. Novu u risturente. Mudernità New-Yorchese, vetru è metallu grisgiu. Dentru à vichjerini, un fasgiulone, una lisca di panzet-ta è guacamol molle à chi’ ne vole. Una volta pusatu, aghju guardatu l’omi è e donne. L’omi è e donne m’anu guardatu. Ci simu ricunnisciuti, mi pare. Emu calatu u capu. L’omi eranu tutti stati giovani, cum’è mè. Eranu tutti spechjittini, cumu sò eo. E donne, elle, sempre gio-vane, calculavanu nantu à a tuvagliola, d’una mina ner-bosa, e calurie di u ripastu, a purzione di panna cotta ch’elle si pudianu ingolle senza pentimentu, è quella ch’elle s’ accunsentianu, pentendusi. L’omi, si barattavanu aggettivi oggettivi nant’à u quar-tu di vinu ch’elli si suchjulavanu à labbre basgiarine è ochji pisati per aria. Quant’è mè, avianu tutti ghjustu una ora per manghjà, chì travaglianu in e banche è i servizii di a City bastiaccia, chì principia à u sinemà u Regent è finisce à u Novelty. Eranu tutti di Ficaghja è tutti tutti discutavanu, per principià, di i rispettivi meriti di Jean Christophe di Guy è di Gilles. Dopu cum’è di regula anu spostu u pru-gettu di u so prussimu sughjornu à u skì. U skì, in Abetone in Tuscana. In Tuscana, benintesu, duv’elli si sentenu tantu in casa soia, subbitu sbarcati in Livornu. U discorsu à pru-positu di a lingua Corsa hè venutu in affaccu subbitu dopu. A lingua Corsa, ch’elli ùn parlanu micca à i figlioli è chi’ ghjè tantu vicina à u Tuscanu. Tutti tutti, cum’aghju fattu eo, avianu lettu l’ultimu libru di Elena Ferrante di a quale ognunu parla, cum’è elli. Cuntrastendusi nant’à Macron, l’Europa è a Cina chi’ s’arrichisce sfruttendu l’operai, aspettavanu per indignassi d’esse in RTT è ch’ella sia compia a diges-tione. Tutti tutti eranu contr’à i sacchetti di plasticu, u pas-sagiu di i petrulieri in e tralanchere di e moglie è u latte Sardu in i casgi Corsi, tichjendusi di Vache Qui Rit. Tutti tutti eranu contr’à u razzisimu: certi Arabi sò cum’è noi, d’altronde anu un vicinu chì li dà u cuscus u ghjovi. Bobò, bobò, tutti tutti, tutti tutti cloni di mè stessu. M’anu ingurgatu a murtatella. . O Edmond, so’ d’accunsentu, l’isula hà sempre fabrica-tu i Corsi. Ma ancu i bonobò fabricheghjanu i bobò.