Cronache di Petru Mari
2017-12-21 14:23:26

E facciacce

Lasciate ch’eo vi dica una cosa.

A e facciacce li puzza a salute.

Facciaccia, hè u difettu u più negativu d’una lista chi’ puderebbi esse longa, s’omu conta i rancichi, e pelli, i pruprietarii di Toiattà, e croci è i « radicaux valoisiens » in a lista di tutti i malandati di a nostra isula.

Ma cuntentemuci di parlà d’elli, e facciacce.

So’ azezi di natura. Cum’elli anu sempre una peta di traversu, vi parlanu di traversu.

E tandu restate male chi’ ùn la v’aspettate a rinfacciata. E vi pigliate una smustacciata in pubblicu. Firmate à bocca aperta davanti à tutti, schiaffittatu da a cacciata dispettosa chi’ vi piglia di ribattu.

Ghjè tandu chi’ à a facciaccia li puzza a salute in veru.

Ma ùn si ne rende contu. O si ne impippa. O ùn ci crede.

Per una facciaccia, ùn cuntate per nunda, chè vo sciate. Site perifericu, luntanu luntanu, minutu minutu, à anni-luce da u centru di un universu duv’ellu campa solu ellu.

A cosa si ricunnosce una facciaccia ?

Un ci hè tantu à circà, a porta in faccia: hè bocchistrettu, a cumessura di a labbra à falera, frontibassu è ochji infussati. Un ride mai, mancu à e cacciate di Teatru Mascone.

Un l’anu mai amparatu à ride.

Un lu cunniscite ? U cunniscerete poi !

U videte passà inde i carrughji i più stretti di a cità, à l’appossu dentru à u so vitturone neru, un 4x4 incù rutuloni tamanti. Hè sempre cansatu in doppia fila. O puru arrestatu à meza strada à dumandà à una altra facciaccia cum’ellu stà, senza primurassi di e vitture ch’aspettanu daretu.

Ma ùn pensate chi’ a vita di a facciaccia sia un gran’chè.

Hè più in u fassi vede chè in u fà. Ghjè tuttu sbacca, in cumpensu. In cumpensu di a so vita chi’ l’attacca vergogna, in cumpensu pè a taglia di a so virilità di prupurzione inversa à quella di e rutuloni di a so vittura o in cumpensu di sai so’ cosa…

A a facciaccia, mille cosi intime li danu fastidiu. E tutti issu fracicume ch’ellu si lascia dorme in corpu l’annerva.

Rimarcate chi’ per noi hè listessa è per quessa li pudemu ancu perdunà:

Cio chi’ ci muca, propiu propiu, ci definisce.