Versuniversu, u novu dischettu di Patrizia Poli
2018-10-10 09:41:58

Dopu u spettaculu, u dischettu. Cù Versuniversu, cuntinuemu u caminu chì permette à u nostru cantu cusì particulare d'apresi nant'à u nostru mondu. U versu, à tempu verbu, puesia è muvimentu chì dà a direzzione, u sensu. Ghjè st'identità chì hà bisognu di u mondu ingiru à noi. Patrizia Poli hà sempre difesu l'idea chì a pianeta Terra accoglie a nostra cultura. Cù i so temi, i so scontri è cullaburazione, in tutti i i lochi induv'ella hà cantatu. Una cultura corsa aperta à l'influenze musicale di u mondu. A lingua corsa si marita cù ritimi di paesi luntani. 

Frà ste creazione, avemu puesie scritte da Patrizia Gattaceca è Denis Parent, o ancu ″Les hommes″, canzona rigalata à Patrizia Poli da Bernard Lavilliers. In stu novu dischettu, l'artista parla à modu soiu di temi universali, l’amore, a morte, u razzismu, u mondu in guerra, a marchja di e donne in Israele, a pace… nant'à e musiche di Pascal Arroyo, capu d'orchestru di u gruppu di Bernard Lavilliers. Stu famosu canterinu avia cantatu in u spettaculu "Caminendu" di Patrizia. Sustenite a creazione di Versuniversu nant'à https://fr.ulule.com/versuniversu/