Bartolomeo in Cristu, u novu libru di Stefanu Cesari
2018-10-27 10:50:47

Bartolomeo in cristu di Stefanu Cesari, à l'edizione Eoliennes, ùn hè micca un libru ordinariu allucatu in a so bibliuteca dopu avellu lettu. Ghjè un ogettu ch'omu vole tene accant'à sè, cum'è una racolta di preghere. Difatti, i so 59 puemi in corsu è francese puderebbenu esse cum'è perle d'un rusariu è un sessantesimu puemu ci incuragisce à rileghje, à rilegà, à cuntinuà... I puemi sò scumpartuti cum'è petronculi ch'ellu averebbe zuccatu, face chì a forma pesa quant'è u tempu. Ind'è l'autore, ci hè a vuluntà di truvà a parolla ghjusta, u ritimu perfettu, a sunurità esatta... L'opera hè nata da a cuntemplazione d'un affrescu ind'a cappella San Pantaleu di Gavignanu ind'a Pieve di Rustinu. Da st'affrescu di a fine di u XVu seculu, si stacca a siluetta d’un omu pinta cù u culore di u so sangue. U spogliu è a nudità di a persona cumè s'ella fussi resu à a so origine, in cristu. Pè Stefanu Cesari, principia tandu un viaghju ind'una terra anziana, induve si marchja durante assai tempu dopu quelli chì ci anu campatu è si sò persi. Una marchja pè cercà un culore o un visu, nant'à e vistiche d'una zitellina, d'un ricordu o d'un'illuminazione. 

Natu in u 1973, Stefanu Cesari hè autore in lingua corsa è francese. Hà digià ricevutu u premiu di i lettori di Corsica in u 2009 è u Premiu Don Joseph Morellini 2013. Hè dinù traduttore è organizadore di e « Lectures poétiques du halo » in Bastia.