Francesco Domenico Falcucci
2019-02-16 10:21:31

In u 1915, era publicatu u "Vocabolario dei dialetti, geografia e costumi della Corsica" di Francesco Domenico Falcucci, u primu dizziunariu di u corsu. 100 anni dopu, in u 2015, ci hè statu un cullocchiu di riflessione nant'à l'opera di u scrivanu capicursinu in Corti è Roglianu cù cercadori europei. L'atti di stu cullocchiu sò adduniti in stu libru à l'Edizioni dell'Orso è direttu da Stella Retali-Medori. In u 1875, Falcucci dà a prima descrizzione di e parlate corse, stabilisce a partizione dialettale trà Pumonti è Cismonte, aghjunghjendu una terza aghja dialettale cù u Capicorsu. Issu travagliu s'inserisce ind'una racolta dedicata à e parlate d'Italia basata nant'à una traduzzione di una nuvella di Boccaccio. 

A seconda opera, ghjè u Vocabolario dei dialetti, geografia e costumi della Corsica. Sì a so parlata, ruglianaccia-cinturese hè à a basa di u dizziunariu, Falcucci s'hè primuratu d'altre varietà di u corsu ch'ellu hè andatu à coglie in bocca o sott'à a penna di locutori. A qualità di u so travagliu hà fattu entre u corsu in descrizzione d'altu livellu, in particulare etimologiche. Un'opera assai preziosa per ducumentà a lingua corsa è l'usi di u XIXu seculu.