I secreti di una tomba etrusca nant'à u situ d'Aleria-Lamaghjone
2020-05-16 14:51:11

Un annu dopu à a scuperta etrusca nant'à u situ d'Aleria-Lamaghjone, d'aprile 2019, l'Istitutu Naziunale di Ricerche Archeologiche Preventive (INRAP), hà fattu sapè chì a salma serebbe quella d'una donna ghjacendu à corpu insù, u capu giratu à manca è e bracce long'à u corpu. «Dapoi parechje decine d'anni, una sepultura simule ùn hè più stata scuperta in l'aghja mediterrania". hà dettu Franck Leandri, direttore regiunale di l'Affari culturali. Analisi cundutti da i scientifichi di l'INRAP anu permessu di scopre chì a donna purtava parechji ghjuvelli (un paghju di pindini in oru è dui annelli in oru è in ramu à e dite). Ùn si sà ancu u so età è u so statutu suciale. Una quarantina di stuviglii in ceramica, frà quessi parechji vasi è ciarre pè u vinu, vasi à prufume, cuppe à vernice neru è spechji in bronzu sò state trove ingiru à a persona. «Tutte ste ceramiche sò pruduzzione d'Etruria, di u IVu seculu nanz'à a nostra epuca.», preciseghja l'INRAP. Infine, cù sta nova scuperta, si puderà fà un'altra interpretazione di tutte e tombe scuperte 40 anni fà cù i metudi muderni d'investigazione. 

L'ultime scuperte simule in Aleria eranu di l'anni 60-70, quandu 179 tombe di cultura etrusca sottu terra sò state scuperte in Casabianda da l'archeologhi Jean è Laurence Jehasse. Sò di l'anni trà 500 è 259 nanz'à Cristu. Ste sepulture eranu state cacciate di terra cù più di 4.000 ogetti (vasi, ghjuvelli, arme, transiglii...). 

Ritrattu : Corse-Matin