Un campu santu paleocristianu scupertu in a catedrale Sant’Appianu di Sagone
2020-07-21 16:00:13

Nanz'à u prugettu di a cumuna di Vicu, pè mette in risaltu u situ paleucristianu è medievale di Sant’Appianu in Sagone, i scavi archeologichi di i servizii di u Statu (DRAC di Corsica), rializati da l’INRAP, anu sbuccatu nant'à sepulture cristiane rimarchevule. Quasi tutte e vistiche dissutterrate sò di i primi seculi di a nostra epuca è sò in leia cù e stallazione cristiane originale. Difatti, à a fine di u Vu seculu, misure imperiale sò decise pè falla finita cù u paganisimu in l’Imperu rumanu. E ricerche fatte nanzu in Sagone anu mustratu e fundazione d'una basilica paleocristiana è un'iscrizzione chì cunfirmava a so devuzione à Sant'Appianu.

Un inseme religiosu di u Vu seculu (chjesa, battisteru è numerose sepulture vicine) hè statu trovu dinù. À u VIu seculu, i testi accertanu chì a chjesa diventa un vescuvatu, statutu ch'ella tene sin'à u XVIu seculu quandu a sede episcupale hè trasferita à u paese di Vicu. I travaglii anu sbuccatu nant'à più di settanta tombe di parechje periode. E sepulture "in anfora" currispondenu à i primi interri cristiani di u situ. E tombe in tettu à duie pendite sò e più numerose. Avemu dinù una terza seria di tombe, à forma di cascione petricosu. Infine, a squadra di l'INRAP hà trovu un impetramentu quadrangulare fattu di pentoni assestati nant'à un stratu di terra nera è d’una rimpianata di pezzi di tegule à forma di curona. St'ultima serebbe una zona di circulazione. Sottu, l'archeologhi anu scupertu una sepultura in tettu à duie pendite chì ùn hè ancu stata studiata.

Ritrattu : INRAP