Alba di spemi
2020-12-18 17:01:33

U secondu dischettu di Patrick Salvatorini, Alba di spemi,  "l'alba di i ghjorni più belli cù un messagiu di speranza pè migliurà a sorte di l'umanità à ogni livellu: ambientale, culturale è umanu." è mette à l'onore i so genitori (U vechju mulinu, locu di i so scontri), Bernard Benedetti, u pittore Chisà è altri cari soii. D'altrò, e canzone parlanu di a sorte d'un zitellu di u Kurdistan, imprigiunatu perchè hà fattu u V di a vittoria - Vi - à u sonniu d'un puetu umanistu - Cantu ad ochji chjusi - passendu pè L'inviati di Diu - nant'à u famosu battellu biancu chì purtava quelli chì ùn eranu cum'è l'altri luntanu da a so isula. - o U pittore - ricordu di a rializazione d'una pittura davant'à u canterinu.

Autore, cumpunidore, interpretu, Patrick Salvatorini signa e parolle è a musica d'ottu canzone nant'à ondeci. Pè l'altre, in più di Ghjuvan Teramu Rocchi, autore di a canzona Cumpagnu, ci hè statu Alain di Meglio è Ghjuvan Federicu Terrazzoni pè rispettivamente U contrasegnu et Idiali.