Napoléon & Jésus, l'avènement d'un messie
2021-03-05 14:41:25

Ghjesù nanz'à Alexandre, nanz'à Auguste: in l'imaginariu di l'epupea napuleuniana, e figure imperiale di l'Antichità greca è rumana lascianu a piazza à un'altra più secreta. Stendu assai tempu piattata da e riprisentazione cesariane, ghjè l'icona di Cristu a più intima in u destinu napuleunianu è in st'opera di prima trinca. Stu fattu hè dimustratu senza cuntestazione da Marie-Paule Raffaelli-Pasquini, specialista di Napulione, ind'un inchiesta nova è passiunente in core di l'imaginariu persunale di l'Imperatore. Napulione ammireghja à Ghjesù. Per ellu, Cristu hà sappiutu inizià una manera di pensà nova, stabilì un ordine novu, addunì l'Umanità ingiru à un Ideale cumunu. Ispiratu da l'esempiu di u Cristu vangelicu, Napulione ferà tuttu pè diventà anch'ellu un Cristu puliticu. St'impresa d'un missagiu spirituale unicu nant'à un'aventura tempurale singulare hè analizata da a giovana filosofa.

Pè scrive stu libru, Marie-Paule Raffaelli-Pasquini hà principiatu cù u studiu di "Le Mémorial de Sainte-Hélène", di Emmanuel Las Cases induve l'imperatore parla parechje volte di u Cristu. St'ultimu è Napulione parenu avè rispostu à una necessità storica. Un missia hè un essere dumandatu da u populu, mandatu da Diu pè dà una direzzione nova à l'umanità. Cusì face Napulione dopu à a rivuluzione francese chì era un tempu di scristianizazione, di u mondu disincantatu. St'omu hà creatu un novu ordine puliticu è suciale. U so esiliu in Santa Lena l'hà fattu vede cum'è u Cristu in croce. U tumbinu di Napulione hè statu apertu à mumentu datu è a so salma era quasi sana. Si ritrova quì u mitu vangelicu di a carne ch'ùn pò infragicassi.