Dante in paghjella, da l'infernu à u paradisu
2021-04-01 12:03:47


In u 2021, si celebreghja l'anniversariu di a morte, 700 anni fà, di Dante Alighieri, puetu, scrittore, pensadore è omu puliticu fiurentinu. Hè l'autore di a Divina Commedia, scritta da u 1303 à u 1321. Un puemu in lingua vulgare fiurentina. A so opera a più famosa è una di e più primurose testimunianze di a civulizazione medievale. Cunnisciuta è studiata in u mondu sanu, hè unu di i capi d'opera di a litteratura. A Divina Commedia hè a messa in scena pè a prima volta di ogni elementu di l'universale. Ghjè u celu, i destini ultimi di l'Umanità, l'infernu, u purgatoriu, a gloria di u paradisu. A so riprisentazione imaginaria è allegorica di l'aldilà cristianu riprisenta a visione medievale di u mondu, sviluppata da a Chjesa catolica rumana. Pè Carlo Ossola, prufessore à u cullegiu di Francia, in u paradisu di a Divina Commedia, ci hè una "grande festa à tempu di u cantu è di u fiacculime, da luce in luce felice è dolce". A critica hà insistitu spessu nant'à u splendore di a grazia, e fulgurazione d'un misteru chì si palesa à u pelegrinu d'amore. Menu spessu, hè statu rimarcatu u coru putente di e voce chì cantanu. U gruppu A Ricuccata hà cantatu in Parigi, d'ottobre 2015, stratti di l'infernu, di u purgatoriu è di u paradisu.

Stu novu dischettu di A Ricuccata hè statu pruduttu da u laburatoriu LISA di l'Università cù u sustegnu di a Cullettività di Corsica in u quadru di u prugettu CPER-CALLIOPE chì addunisce ricerca è creazione pè testimunià di a capacità di rinnuvellamentu di l'anziane tradizione puetiche mediterranie. U prugettu vole aiutà l'attori culturali, i cercadori è u publicu à capisce megliu e leie chì, dapoi l'Antichità, anu pussutu mantene trà e culture mediterranie una cumunità di sapè è di pensà. Si tratta dinù d'arricchì u patrimoniu pueticu-musicale di a Corsica cù pruduzzione interculturale è chì entre in u grande muvimentu d'apertura induve participeghjanu tutti l'attori culturali di a Corsica.

A Ricuccata ci parla di a Musa chì hà una bella voce (Kalli-opé) è chì volta pè traspurtà sin'à noi a "morte poesia" di Dante. Face sente in a so lingua l'armunie pulifoniche chì tanti anziani Corsi si cuntavanu à mente. Una parte di u cantu XVII di a Divina Commedia, u principiu di u Purgatoriu, era cantatu da i pastori corsi quand'elli francavanu una bocca in tempu di l'impiaghjera o di a muntagnera. Dunque, ghjè una tradizione in usu in Corsica è in a regione taliana di l'Abruzzo. Un ci era bisognu di sapè leghje o scrive, bastava à amparà sti canti durante e veghje.