Epupea, Digenis Akritas
2021-04-01 14:24:55

Cum'è "Dante in paghjella" di A Ricuccata, stu novu dischettu di Patrizia Gattaceca entre in u quadru di u prugettu CPER-CALLIOPE chì addunisce ricerca è creazione pè testimunià di a capacità di rinnuvellamentu di l'anziane tradizione puetiche mediterranie. U prugettu vole aiutà l'attori culturali, i cercadori è u publicu à capisce megliu e leie chì, dapoi l'Antichità, anu pussutu mantene trà e culture mediterranie una cumunità di sapè è di pensà. Si tratta dinù d'arricchì u patrimoniu pueticu-musicale di a Corsica cù pruduzzione interculturale è chì entre in u grande muvimentu d'apertura induve participeghjanu tutti l'attori culturali di a Corsica.

Si tratta in st'opera di L'Epupea di l'eroe bizantinu Digenis Akritas. A canterina hà travagliatu nant'à u testu chì era statu traduttu da u grecu anzianu à u talianu. Certi testi sò stati mantenuti in talianu è altri adattati in corsu cù ogni tantu un mischju di e duie lingue taliana è corsa. I ritimi ci portanu da l'Oriente à l'Occidente, ogni tantu vicini di l'Andalusia o di i Lamenti vicini di a nostra tradizione. Un bellu mischju chì riprisenta stu Mediterraniu diversu è cumplessu pè un dischettu à tempu anzianu è mudernu.