L’Église de Corse en révolutions (XVIIe-XVIIIe siècles)
2021-04-08 11:21:42

Ange Rovere, storicu, prufessore agregatu di storia è membru di u Cumitatu di i travaglii storichi è scientifichi, hà digià publicatu numerosi articuli, libri nant’à a storia muderna, cuntempuranea di a Corsica è hà direttu a rivista «Études corses». In stu novu libru, ci presenta a Chjesa corsa, a so organisazione ma dinù a so putenza di fronte à e rivuluzione. St’elementi cù e leie strette di a Chjesa cù una cumunità aderente, sò una di e chjave essenziale pè capì e rivuluzione induve i preti participeghjanu spessu, a religiusità cù i corsi chì difendenu i so preti, i so riti, l’usi è ancu u funziunamentu sucetale: u prete, cù u frate, hè u persunagiu principale di e campagne corse. L’analisi di ciò ch’elli dicenu è ciò ch’elli facenu, in i lochi sacri è fora, hè u più bonu arnese pè misurà l’evuluzione di a sucetà. Dunque, stu travaglione d’Ange Rovère schjarisce in modu novu un puntellu di a sucetà corsa è di a so storia. 

I XVIIu è XVIIIu seculi europei, epuca di a nascita di i Lumi, sò quelli di e timpeste rivuluziunarie. L’Europa hè scuzzulata da i ciambugli intellettuali, filosofichi è scientifichi. Ancu a religione hè cuncernata: u cleru s’interrugheghja, s’adatta à l’evenimenti pulitichi è i fideli li dumandanu conti. L’isula, u locu maiò di e rivuluzione europee, hè unu di i lochi privilegiati induve si pò osservà nant’à una stonda assai longa cumu a religione, i so cleri è i so fideli rispondenu à i scunvuglimenti politico-religiosi di l’epuca (Riforma catolica dapoi u cunciliu di Trenta, Cunsulta d’Orezza, a quistione di u Gallicanismu, a custituzione civile di u cleru in tempu di a Rivuluzione...)