Populu d'una branata / Peuple d'un printemps
2021-10-22 09:45:01

Dopu à Genitori, U minimu gestu/Le moindre geste è Bartolomeo in cristu, ritruvemu l’universu di Stefanu Cesari in u libru Pòpulu d'una branata/ Peuple d'un printemps, edizione Eolienne. A so puesia hè arradicata in a so terra mediterrania nativa tucchendu à l’universale.

Stefanu Cesari ci porta ind’un viaghju enimmaticu oniricu liendu l’omu à u paisaghju è rammentendu una memoria mediterrania. Un viaghju scurtatu da un cavalieru cù parechje facce sin’à un altru spaziu tempu pudendu accoglie tutti l’omi, morti è vivi: un « populu sanu ». Ind’un titulu di u libru, si parla dinù d’una branata, stagione di a rinascita ciclica. St’itinerariu trà memoria è finzione ci mantene trà terra è celu, vita è morte, cum’è stu pinu spaffatu chì u suchju annacqua sempre una branca.

U puetu lascia « sbuccià dapoi u neru tutte e parolle d’oghje è d’altri tempi ». Scunvoglie a puntuazione cù frase longhe abituale ghjuchendu di più cù e vicinanze, l’assuciazione, è l’analugie creatrice di maghjine, chè cù l’incatenamenti logichi. Sta puesia sulliciteghja tutti i nostri sensi.

Mischjendu cuncretu è sacru, l'autore adopra u campu lessicale di a ruralità mediterrania è di a religione. Intriccendu i tempi è e lingue, si lascia guidà da numerosi scrittori : i pueti francesi Gaston Febus è Claude-Henri Rocquet, u grecu Georges Seferis è l'argentinu Juan Gelman o l'americanu Walt Whitman. Ma dinù da u famosu affrescu anticu di a Tombe du plongeur o u ritrattu d'Un enfant corse di James Mc Neil Whistler.

Parechji mutivi simbolichi voltanu in modu ricurrente pè prisentà un mondu di segni cum’è in altri testi di Stefanu Cesari : i limiti è finestre, porte è purtoni, l'acqua cù surgente è funtane, principiu di vita è dinù acqua di a parolla. A manu umana di u travagliadore rurale cum’è quella di u puetu in traccia di scrive, e mani intrecciate pè a preghera, mane aperte pè addunissi à un’altra, una manu ch’ùn si vede, una manu tesa da u tempu.

In stu libru di Stefanu Cesari, tuttu principia è finisce cù a zitellina. L’autore marchja nant’à e vistiche di una zitellina persa in un tempu longu. I so libri facenu rinasce u spiritu d’un paese chì ùn more mai, chì ci appartene à tutti in cumunu.