San Ghjuvà à u mare
2021-10-30 14:37:18

Dopu à u successu di 'Natale in furesta', eccu u novu libru dischettu 'San Ghjuvà à u mare' di Stéphane Conca, rispunsevule di a lingua è cultura corsa à a cità d'Aiacciu è autore, Ghjuvà Lucchinacci, illustradore è cumpunidore, Simon Antona-Demuru cù una narrazione di Francine Massiani è à l'edizione Le Parti des Oiseaux. Si tratta sempre d'un dischettu bislingu in 13 capituli. Cusì, ci hè sempre a listessa prugressione emuziunale pè piace à i giovani lettori. In stu filu, si ritrova qualchì persunagiu. U muvrone, u cignale, a volpa schì ò sempre inseme. Ponu participà à una nova aventura. I purterà in Ghjirulatu pè scuntrà u gabbianu, u marangone, i granci è i delfini. S'adduniscenu tutti pè festighjà a San Ghjuvà è l'estate chì rivene.

Ma s'affacca l'alpana pè prevene chì a figliola di u vechjumarinu hè prigiunera ind'una reta di u passu di Gargallu, un isulottu di fronte à Scandula. Dunque, l'animali vanu à succorrela. Dopu à stu salvamentu, a storia ùn hè ancu compia. L'animali parleranu di a torra genuvese, di u castellettu o di l'aghja di Ghjirulatu, e cunsequenze di u scaldamentu climaticu, l'amicizia è u fraiutu. In u dischettu, avemu dinù una meludia di tempi fà cù a voce di Francine Massiani, un chjam'è rispondi, un'adattazione di a musica à ballà di Serman, L'Uliosa.

Una bella opera pè i lettori à parte da 6 anni pè amparalli elementi culturali, pedagogichi è linguistichi è pè l'adulti chì anu appuntamentu cù a so zitellina.