E cronache di Petru Mari
2017-10-18 10:21:43


U nustralismu

A castagna nustrale, u porcu nustrale pocu stressatu è a nostra mela propiu a nostra, seranu prubbabilmente à l’appuntamentu di l’una o l’altra fiera nustrale chi’ aspetta i nostri solli. A nostra mela aspetta i nostri solli.

Sè vo sceglite a Fiera di a Castagna in Bocugnanu, mettite una pelegrina per paravvi da u fretu chi’, francatu u cataru vi puderiate piglià un catarru.

Ci seranu tutti in Fiera. Tutti.

Quelli chi’ s’olenu fà vede è quelli chi’ facenu stravede.

I pochi chi ci credenu è i tanti ch’ùn anu creditu.

I trè o quattru ch’ottenenu u creditu è tutti l’altri chi’ ci anu cridutu.

Quelli chi’ collanu è qui’ l’altri ch’incollanu.

I malati ch’anu a pena è quelli in salute ch’anu a penna.

Quelli chi’ toccanu è quelli chi’ si toccanu.

Quelli chi’ maneghjanu e pale è i sebbiati chi’ si grattanu e palle.

Seranu tutti in Fiera di a Macagna.

Quelli chi’ pestanu è quelli ch’impestanu

Quelli chi’  seccanu è quelli chi’ secanu.

Quelli chi’ macinanu è quelli chi’ mascinanu.

Quelli chi’ votanu è quelli chi’ potanu.

Quelli chi’ spendenu è quelli chi’ pendenu.

Tutti tutti, tutti i partigiani di u nustralismu.

Tutti, quelli chi’ soffrenu di a nustralgia è l’altri, chi’ s’abbandonanu à a nostalgia.

U canistrellu di Proust hà un fondu di nustrale anticu è un fondu di cumerciu.

A ferina à un tantu u chilo’, ùn hè bona, inno’, ghjè amore.

U figatellu à un quantu a libbra, ùn hè savuritu, inno’, ghjè calore.

I cuntrasti nant’à u brocciu mille volti riprincipiatu è tante volti bramatu, ùn hè solu per ragiunà.

Ma ancu —è forse ancu di più— per vultà.

Un pocu,

Firmemuci torn’un pocu in e ghjure di u Giardinu d‘Eden.

I brilluli ch’ùn aghju mai pussutu pate, quasi quasi i pasperebbi.

Un hè stata un annatona pè a ferina pisticcina annu passatu.

Ma pè u pentimentu hè divizia…

Piove sempre in fiera di u pentimentu.