« Paul Valery et la Corse, l’île que nous savons »
2017-12-16 14:18:28

Jean-Guy Talamoni hà scrittu u libru « Paul Valery et la Corse, l’île que nous savons », stamperia Sammarcelli. L’autore, presidente di l'Assemblea di a Corsica, hè dinù insegnante-cercadore è hè sempre statu affascinatu da stu scrittore è puetu d’origine corsa è genuvese, chì avia previstu ancu u fiascu geostrategicu è ecunomicu europeu. A so opera hè una di e più ricche è diverse di a litteratura francese, ma Jean-Guy Talamoni s'interessa piuttostu à a leia di Valery cù a Corsica, ancu s'ellu l'hà frequentata pocu.

S'interessa dinù à i scritti di Paul Arrighi, rammenta una discursata, st'estate in Erbalonga, cù Michel Jarrety, biografu di Paul Valery. St'ultimu hà mantenutu una currispundenza epistulare cù a puetessa corsa, Diane de Cuttoli, Petru Leca, u gruppu litterariu è artisticu Kallisté. Paul Valery hà dettu chì, avendu un babbu corsu di Brandu, sente in ellu u sangue di a nostra razza, u spiritu in core è in mente ch'ellu hà ricevutu da l'educazione è l'esempiu di u so babbu. U puetu ammirava à Napulione, parlava spessu di l'isulanità, hà sempre messu in risaltu e so radiche corse è genuvese.