E cronache di Petru Mari
2017-08-02 10:08:05

L'omu è u so cane

L’omu, amici ùn ne hà. Ghjè per cio’ chi’ u cane hè l’amicu u più fidatu di l’omu. Ma l’omu ùn hè amicu incù u so cane. L’omu, di quessi l’amici ùn ne vole. Ghjè una verità cunsacrata chi’ forse sbuciarda u versu ch’ella intende. Vi n’avviete quant’è mè: più và è più i media sparghjenu infurmazioni nant’à issi cani, chi’ fraganu gatti, boii, vitelli, pan’ bagnà, pullastrotti maschi ripieni d’ormone femine, canterini hermafroditi, distributori di tichetti di u cinema l’Eden, criature è adulti. Fraganu tuttu cio’ chi’ li vene à tiru. Chi’ generu d’amici so’ quessi. Amici chi’ à l’ispensata vi saltanu adossu è vi polzanu cum’ùn maiale. Hè vera chi’ l’amicizia tradimentosa hè una di e tante espressioni di a cundizione umana. L’amicizia tradita ghjè u fondu di u carattere di l’amicu u più fidatu di l’omu. L’omu s’assumiglia à u cane. I cani, in qualchì milleniu, so’ passati da belva salvatica à animale mansu, sottumessu à i bisogni di l’omu patrone.
Un omu patrone chi’ bellu spessu face di u so cane a prulungazione di sè stessu. Chi’ bisognu ci hè di pussede un cane periculosu ? I psicolochi spieganu chi’ u cane, quand’ellu hè mastinu è gattivu, hè spostu cum’è cumpensu à certe manchenze in l’equilibru di u pruprietariu. A funzione di u cane mastinu è gattivu hè di palisà l’identità ch’ellu si vole dà publicamente u so patrone. U mo cane putente deve traduce a mo putenza. E sanne di u mio cane so’ e mee, allora rispettatemi. Finalmente u cane mastinu è gattivu, invece di sprime a mo putenza, traduce a mio imputenza. Zitti. Tenitevila per voi, ma so’ un agnellu in fatti. U mio cane face u lupu per mè. Perchi’, si sà, l’omu hè un lupu per l’omu. L’omu hè un agnellu pè u so cane. L’agnellu hè un arrostu per l’omu. Omi, cani, agnelli è tutti quanti l’esseri vivi, ci manghjemu tutti trà di noi. In cima di a catena alimentare ci hè l’hyper u è quessa ci salva.