E cronache di Petru Mari
2017-08-30 10:30:03

U paese di i to sogni : I chjassi di l’impussibbile

 U paese di i to sogni, sò l’alivi inturchjati è nudicosi tantu, chì pare ch’elli nascanu da e petre. 

In l’aria, traghje una musica di fisculetta. 

Sorge da una pirula. 

U paese di i to sogni, sò issa ghjente chì tira u sangue da a teppa. Cum’è e stantare, so’ zitti senza esse muti. 

È forti. È eterni. 

Ma solu in u ricordu.  

Ghjè quessa er’bellu : cumu fà per entre in sumiglia ? 

In u paese di i to sogni, ci sò l’arme. 

Arme cum’è quelle addurmintate in corpu à l’inghjuliati.

È ch’ùn si discetanu più. 

U paese di i to sogni, sò armate pacifiche ch’abbordanu. 

Ch’abbordanu e nostre panze chì sbordanu.

U paese di i to sogni, sò elementi scatinati, prufeta incatinati, paisani disfatti è un populu fattu. 

U paese di i to sogni, sò Cine luntane, duve vechji furbanti sfidanu a scienza è a nostra casana ragiò. 

Seculi è seculi d’ignurenza ùn l’anu scuragiti.

U paese di i to sogni, hè sanu sanu in i to ochji grand’ chjosi.

U paese di i to sogni, ghjè u to paradisu persu è l’indistruttibbile (è purtantu vana) sperenza d’un ritornu.

U paese di i to sogni, ghjè un decoru induv’è tù ùn serai mai più.

U paese di i to sogni hè un locu ch’ùn esiste micca, abitatu da murtuloni, chi’ forse ùn anu mai esistutu.

U paese di i to sogni, ghjè u mare tepidu di a nustalgia induv’è tù noti, beatu.

U paese di i to sogni, ghjè a dolce malincunia di l’artificiale infelicità. 

U paese di i to sogni, nasce cum’un fiore da u sudu, 

Nasce nant’à un desideriu invintu, chi’ ghjace in i ripieghi di a to intimità. 

Lascialu dorme…