Cronache di Petru Mari
2018-01-31 11:07:13

Un tappu.

Cosa ci dice un tappu ?

Serebbi a dumanda posta da u pueta chi’, à cio’ ch’omu sente, cunnosce a Verità di i tappi.

Digià, serebbi utile di scioglie a questione di l’usu di u tappu è decide s’ellu hè fattu per tappà o per stappà ?

Innò, innò, ùn parlate subbitu perchè chì a risposta hè più difficiule chè ciò ch’ellu ùn si crede.

Une pochi u chjamanu « tappu », per tappà, dunque. Ma d’altri u dicenu « stuppinu », per stappà.

A videte ? Tappà è stappà, ghjè l’eternu cuntrastu, trà a reazzione è u prugressu. Trà i Balanini è l’Orezzinchi, trà Bonifaziu è Corti, trà Calvi è Calenzana, trà Mezavia è Aiacciu, trà i purtulani è l’incarcerati.

U tappu hè una metafura.

Figuratevi u murale di u tappu, persu in e so incertezze esistenziali: briacu, u tappu ùn sà s’ellu colla o s’ellu fala. Cumu a si pò custruisce una identità, u tappu, chì hà i pedi ciotti in tutti i vini, vinette, licori è tusichimi celesti o infernali, senza ch’omu faccia a differenza trà un tappu di cunduttu è un tappu di zucca.

Ma ci hè altre cosi: a so storia ! A sà da duv’ellu vene u tappu ? Innò ! À pena natu d’una curteccia di suvera Corsa, eccu chì u mandanu in Sardegna, duv’ellu piglia a naziunalità. In l’isula surella compie a so furmazione, postu ch’elli li danu culandi a so trinca pè u sempre. È dopu u mandanu pè lu mondu, emigratu furzatu, à ficcassi in e viscere d’imprubbabili vini. O volta in Corsica, finitu, rifinitu à tappà buttigliacce è buttiglioni. Ma volta Sardu, invece ch’ellu era partutu Corsu.

Una identità tronca è chi’ si cerca, à cavallu trà u paese d’accolta è i so lochi tradiziunali. Una identità maschile, solu maschile. U tappu femina ùn ne hà.

Ghjè a buttiglia à esse femina.

U tappu ùn cunnosce l’amore. Chi’ ne sà di a vita.…

E dopu, una volta stappatu, dopu à esse statu ficcatu hè in gola à un imprubbabbile nettare, s’addurmenta per sempre à a fine di u so viaghju casticatu. U tappu hè ghjuntu à l’ultima tappa di u so viacroce. Ùn hà più primura di sapè s’ellu entre o s’ellu sorte, s’ellu parte o s’ellu ghjunghje, s’ellu tappa o s’ellu stappa.

E po tantu avà si ne impippa.

È dopu vulete chì in u mondu di i tappi è di i so cumpagni i stuppini, ùn finisca per nasce una revuluzione ?

Aiò aiò…

Chi’ cuntrasti inderni…

Ci hè da perde u so latinu

Trà u tappu è u stuppinu

Sunate lu cornu…